5 dicembre 2012

Beatrice
ecco, per la serie le priorità che ci tengono lontani dai blog..in questi mesi ho avuto molto da fare, prima il pancione, poi l'esserino fuori dal pancione mi hanno assorbito totalmente, non lasciando tempo alla ricerca di temi e idee per il blog..
conto di tornare, compatibilmente con l'impegno allattamento, a proporre nuovi incontri e occasioni, a criticare, a presentare..



19 ottobre 2012


{this moment}
A Friday ritual. A single photo - no words - capturing a moment from the week. A simple, special, extraordinary moment. A moment I want to pause, savor and remember. If you're inspired to do the same, leave a link to your 'moment' in the comments for all to find and see.




* forse qui, a questo punto,  vorrei tornare..

14 luglio 2012

arte in cucina?

quando a casa non si sa bene che cosa fare, si potrebbero aprire frigorifero e dispensa e scattare..
frutta e verdura potrebbero essere soggetti interessanti, da comporre in pose particolari, usando le cose che ci piacciono della nostra cucina (superfici, oggetti come taglieri o piccoli contenitori).
per un sito che trattava anche di cucina vegetariana, mi sono dovuta cimentare in questo tipo di lavoro, cercando di pubblicizzare e interpretare soggetti come uova e arance..

è stato divertente poi utilizzare uno strumento come il cellulare che senza troppe pretese, mi ha permesso di cogliere al volo lo scatto, e applicare alcune finiture in grado di rendere più narrative le immagini..

con un pò di post produzione si possono anche aggiungere scritte e disegni.
con il senno di poi ho deciso di stampare in un formato non troppo grande, e appendere nella mia cucina, questa serie di piccole foto segnaletiche!


                 








11 maggio 2012

distributori di design

tutte le volte che ci passo mi viene voglia di disegnarlo, di comprarlo, di riaddattarlo..ha una forma splendida, particolare e attuale, mi viene da dire moderna..

questo edificio, ritrovato sul  sito dei beni ambientali della lombardia, mi lascia senza fiato. le proprozioni, le forme, anche colori e materiali sono invitanti..farò un servizio fotografico, se ci riesco, quest'estate, e sicuramente lo disegnerò! prima almeno che lo buttino giù (conoscendo i polli che sono al governo della città, niente di più facile)..






26 aprile 2012

fuori dai saloni#1




La cosa bella dell'andare in giro per i fuorisalone sono le ambientazioni del tutto atipiche che si riescono a visitare: garage, officine, laboratori, che per una settimana danno i loro spazi, si beccano un restyling originale e credo vengano anche pagati..però che bei posti!
poi ci sono i segni sulla città, decorazioni, scritte, "murales"..street art tutta da fotografare..

..continua..

17 aprile 2012

..saloni..

sono arrivati..i soliti saloni a Milano..
moltissime le iniziative collaterali, gratuite e sfioziose..
da segnalare oltre alla zona tortona, oramai una certezza, Ventura Lambrate, e il debutto della zona di Porta Venezia..
..si un giro è necessario farlo..


13 marzo 2012

non sempre è necessario essere grandi artisti per decorare e personalizzare casa..a volte bastano un pò di fantasia e qualche foto, un ritaglio di giornale, una poesia..qui l'idea e spiegazione, ma in rete ci sono molti esempi di pareti decorate fai da te..è molto interessante!


con un pò di manualità in più si può pensare di scrivere sui muri..così oppure dipingendo con la tecnica dello stencil come ho fatto io, ritagliando lettera per lettera..
il mio soppalco..
berlino 1710


altra idea è quella di fotocopiare molto ingrandita la mappa della propria città (o della città che desideriamo vedere al muro per tanto tempo!) e attaccarla a tutta parete, come fosse una carta da parati..la chicca è che potrebbe essere una mappa storica..

8 marzo 2012

piccole cucine in scatola

quando hai a che fare con piccoli spazi da arredare certe soluzioni possono fare la differenza, come questa cucina proposta da una piccola realtà tedesca, che coniuga design, linee semplici e funzionalità con una buona dose di colore, che non guasta..

29 febbraio 2012

da vedere..3

mi preme segnalare questa mostra personale di alberto korda, a milano. non mancherò di andare a vederla; una persona che nel mondo è associata ad uno scatto ma che in realtà ha ripreso per molto tempo la Storia (si, con la esse maiuscola!), merita ben una gita e un paio d'ore di attenzione in più..
del resto, chi non vorrebbe essere stato al suo posto?

"Guerrillero Heroico” alberto korda - 1960

22 febbraio 2012

shop#4 il camparino è tornato

ci sono luoghi in ogni città, che indicano momenti della giornata precisi; ecco per me - ma per i milanesi tutti, direi - la pausa caffè in duomo non può che essere al camparino, storicissimo caffè che da qualche tempo (questo inverno) è tornato alla sua insegna originale, dopo molte vicende, molti decenni e moltissimi personaggi..
il bancone intarsiato [foto camparino.it]
i miei schizzi

18 febbraio 2012

certo, non si fa, non è modo di fare post, ma cavolo a me curiosare nella rete piace veramente tanto, perciò vi mando su questo articolo..non è necessario andare dall'altra parte del mondo per trovare architetture bislacche..

canegrate non è l'america, ma ci si avvicina..

17 febbraio 2012

{this moment}


{this moment}
A Friday ritual. A single photo - no words - capturing a moment from the week. A simple, special, extraordinary moment. A moment I want to pause, savor and remember. If you're inspired to do the same, leave a link to your 'moment' in the comments for all to find and see.

9 febbraio 2012



disegni perchè "non si può fotografare in negozio..". volevo solo portare a casa la testimonianza del barattolo che diventerà il nostro piatto per la zuppa di patate alla berlinese e ho dovuto ripiegare sul disegno..però che bello, con due tratti approssimativi, butti giù le idee e gli appunti..tempo necessario 3 minuti..molto orgogliosa e volenteresa di far diventare questa propensione allo schizzo, un'abitubine! anche perchè voglio riempire quaderni anche io..

8 febbraio 2012

shops#3 è natale sui navigli

se c'è un psto dove non manchiamo mai di andare tutti i natali, è il
christmas village, magnifico e scenografico mercato di natale messo su da ecliss dai primi di novembre alla fine di gennaio, più o meno..
perfettamente riconoscibile anche da fuori per via del babbo natale appeso al balcone e delle luminarie e ghirlande di abete innevato messe fuori, è una irresistibile tentazione, come la luce per le falene nelle notti d'estate..
entri e percorri uno ad uno i diversi ambienti che hanno creato: fiabeschi paesaggi innevati con decorazioni bianche, ambienti circensi con tutte le decorazioni fatte da personaggi del circo, tavole tutte rosse e oro..c'è da perdersi..
in rete ci sono un mare di articoli che vi possono dare l'idea della magica atmosfera natalizia che porta in se questo negiozio temporaneo..
unica nota un tantino stonata forse sono i reparti con scaffalature e merce in vendita che comprende bambinelli, vergini e animali da stalla..ecco quando arrivi in questo settore purtroppo la magia è più o meno svanita e guardando bene si può cogliere l'aspetto consumistico del natale..ma tant'è, chi di noi non ha mai fatto il presepe o l'albero di natale? ecco, da qualche parte bisognerà pure comprere tutto ciò che serve, no? 






3 febbraio 2012

2 febbraio 2012

se l'impianto è a vista

tubi riscaldamento a vista, in total white
i tubi potrebbero essere però fili colorati lungo le pareti..
[by  HOME]
nelle ristrutturazioni spesso si ha a che fare con appartamenti di "una certa età" che portano con se tutti i segni del tempo come i vecchi sistemi costruttivi dell'edificio o degli impianti.
un complesso sistema di impianti  a vista.
con soffitti molto alti può contribuire a ridimensionare
visivamente i volumi, e a creare proporzione nelle dimensioni.
[by CASAVIVA]
volendo ristrutturare  si tende a rinnovare tutto, rifare le finiture, attualizzare e ammodernare gli impianti, seguendo anche le nuove normative e le nuove tecniche.
capita a volte però di voler mantenere certi dettagli che hanno la caratteristica di dare all'appartamento quell'aria di vissuto e storico. per questo è una bellissima sfida doversi occupare di case vecchie: soffitti alti, grandi finestre con serramenti in legno e pavimenti originali da far rivivere (rinunciando al rovere sbiancato o al wengè tanto di moda) e impianti a vista! i tubi del riscaldamento corrono lungo il perimetro del muro, visibili a tutti in ogni dettaglio e disegnando con il loro percorso il muro. 





[by BRAVACASA]
possono ovviamente esserci altri tipi di impianti a vista, il più semplice da realizzare è quello dell'aria condizionata, ma si potrebbe fare anche quello elettrico, con le canaline e le scatole per le prese in metallo; è un pò costoso forse ma se quello che cercate nella ristrutturazione è il dettaglio originale e del tutto particolare, questa potrebbe essere la strada giusta.. senza considerare che le canaline possono essere colorate e contribuire maggiormente a disegnare i muri e i soffitti..
la mia casa
impianto eletterico in canalina

il mio piccolo impianto  a vista fatto ad hoc!

21 gennaio 2012

latitante per questioni di lavoro (super lavoro, direi) vorrei segnalare questo articolo sulla casa ecologica di cui ho letto su "tutto quello che mi serve di sapere l'ho imparato in bovisa"..ne parlavo qui..
è incredibile come nascoste nella città ci siano esperienze a dir poco futuristiche ed encomiabili, bellamente ignorate!

10 gennaio 2012

la stazione centrale, meravigliosa!
di ritorno da berlino è un continuo ripensare a tutto quello che ho visto: esempi di architetture di dimensioni fantasmagoriche, iper moderne e senza limiti; la presenza di impianti a cielo aperto, molto moderna come concezione in realtà è un'esigenza legata alle caratteristiche naturali del terreno di fondazione della città; la parziale mancanza di architettutre storiche a cui fare riferimento e nonstante questa mancanza la STORIA che si può toccare o meglio, calpestare ad ogni passo.
il muro è una presenza ininterrotta nella città e da una parte all'altra ci sono segni architettonici che testimoniano l'appartenenza ad un passato o all'altro.

tubi che percorrono la città trasportando acqua
la porta di brandeburgo

il muro, da un comodo punto di osservazione fatto apposta..

la cosa che mi ha maggiormente impressionato è stato proprio il rendermi conto del peso della storia in questa città: oltre al muro, che è appunto segnalato ovunque, i segni delle pallottole nei pochi edifici storici rimasti in piedi dopo la guerra, tutti lì da vedere e toccare.
berlino è da rivisitare, con calma e una buona guida..

ph. t.p.